« Torna agli articoli

Dal Latisana al Palma passando per il derby con l’esperia

05 dicembre 2013 | Pierpaolo Contento


Dopo l’ inizio di stagione dove abbiamo incontrato tutte le migliore squadre del campionato con rose con la quasi totalità di ragazzi dell’età maggiore, inizia la seconda parte del torneo, che per noi dovrebbe esser in teoria più abbordabile. Si inizia contro il Latisana, squadra composta da ragazze che pagano in fisicità ma che in fatto di agonismo e impegno non han nulla da invidiare ai maschietti per quanto si è visto contro di noi. La parte del leone è stata del puntero Agnoletti che ha segnato 3 goal. Il risultato finale della partita è stato un 7-2, ma non è stata una prestazione tanto soddisfacente. Forse ci siamo adagiati troppo sull’inferiorità degli avversari. A riportarci all’inferno però ci ha pensato il derby contro l’Esperia. Dopo un paio di minuti eravamo già sotto non siam riusciti più a risalire, avendo giocato senza mordente ed il giusto impegno. Nessuno si è salvato dal disastro a parte i nostri 2 portieri Pozzatello (espulso per fallo nella ripresa) e Braidic,  che hanno salvato più volte la porta e riuscendo nell’impresa di parare un rigore a testa. Una dura lezione che ha portato a una dura rifflessione negli spogliatoi con la dirigenza, lo staff tecnico e la squadra. Dopo una settimana di duro lavoro contro il Palma calcio si gioca forse la miglior partita del campionato, giocando con impegno, concentrazione e intensità finalmente dal primo all’ultimo minuto. Anche senza la punta Agnoletti, siamo stati pericolosi e siamo andati vicino al goal più volte, sprecando anche un rigore calciato a lato da De Montis (nonostante il suo errore dal dischetto, ha sfornato un ottima prestazione da centrale difensivo). Si finisce con un 0-0, ma con un’ottima prestazione e tanto rammarico per non aver preso i tre punti contro una avversaria dalla buona classifica, ma con la consapevolezza che se giochiamo sempre così,  ci prenderemo tante altre belle soddisfazioni da qui alla fine del campionato. Nota di merito al già citato  De Montis, che nell’insolito ruolo per lui di difensore centrale si è distinto per tempismo e sicurezza nelle chiusure, a Marello  che per la prima volta ha giocato titolare quest’anno e  che ha tenuto bene la posizione per tutta la partita bloccando tutte le avanzate avversarie dalle sue parti, a Monte che finalmente ha giocato con personalità, a Antonutti che ha sfruttato al meglio le sue indubbie qualità fisiche e la potenza sulla fascia, e a Caccialepre che impiegato nell’insolito per lui ruolo di  seconda punta mette in difficoltà la difesa avversaria creando spazio e giocando di sponda con la puntera
Govetto che da sola ha messo in evidente difficoltà più volte la difesa avversaria. Ora si và a Rivolto per veder se siam riusciti ad uscir dal tunnel delle brutte prestazioni,  e se il proseguio del campionato sarà più di luci (e punti) che di ombre (e sconfitte). 

+Copia link