« Torna agli articoli

Lestizza – Porpetto pari e patta

04 novembre 2014 | Luigi Contento


Lestizza: Cepile, Passini, Gori (40pt Gallo), Felsel, Cossetti, Peruzzo, Bassi, Marangone, Fabbro (9st Degano), Damiani, Malisano (25st Gomboso). All: Fabiani
Porpetto: Zentilin, Malisan, Contarini, D’Agostina (25pt Pinzani), Forni, Viola, Simionato, Longhin (22st Pagani), Orso (42st Petrucco), D’Ampolo, Barrusso. All.: Bravin.
Marcatori: 40pt Orso (P), 20st Damiani (L).
Dopo due sconfitte (in campionato nella tana della capolista Azzurra ed in Coppa con la Pro Gorizia assoluta dominatrice del girone isontino-triestino), arriva un pareggio.
Non abbiamo giocato una gran partita, ma sicuramente la settimana trascorsa ha lasciato scorie sia nel fisico (sia domenica scorsa che mercoledì sono state due partite molto tirate) sia nella mente (sconfitta in casa della capolista dopo aver colpito tre legni, ed mercoledì con la Pro Gorizia che abbiamo ottimamente imbrigliato senza però trovare lo spunto decisivo davanti).
Il primo tempo ha visto una gran lotta a centrocampo, con una certa predominanza nostra nel controllo del gioco, ma senza trovare spunti offensivi (da menzionare solo un tiro da fuori di Malisano). Anche i nostri avversari non si sono resi pericolosi.
Abbiamo avuto però un black-out alla fine della prima frazione quando su un paio di lanci la nostra difesa si è trovata impreparata. Nel primo caso il tiro di Barrusso è andata a lato, nel secondo Orso lanciato a rete ha trovato un ottimo controllo ed ha realizzato il goal del vantaggio senza che Cepile potesse in qualche modo intervenire.
Nel secondo tempo mister Fabiani ha provato a rimescolare un pò le carte, con i cambi ed invertendo alcune posizioni in campo. Verso la metà del secondo tempo abbiamo trovato finalmente qualche soluzione in attacco, senza però riuscire a concretizzare. Tranne sugli sviluppi di un corner, quando Damiani è stato lestissimo ad insaccare una palla vagante. Ottenuto il pareggio, i nostri avversari si sono riproposti in avanti, ma da qui alla fine non ci sono state occasioni (tranne qualche calcio di punizione da buone posizioni ma calciate in malo modo).
Con i risultati di domenica la classifica si è accorciata. Ci siamo avvicinati alla coda della classifica. Ma la classifica è molto corta. Basti pensare che ci sarebbero bastati i due punti persi a Varmo (partita giocata bene ma che ci ha visto sfortunati nelle conclusioni) per vederci in quinta posizione a solo un punto dal quarto (il Flambro).
Adesso ci attendono due trasferte consecutive. Abbiamo una settimana per prepararci bene per il Castions delle Mura, anche se dalla partita di domenica abbiamo avuto due infortuni (sia Gori che Peruzzo sono dovuti andare al pronto soccorso, per una brutta scarpata sul costato il primo e per un pestone alla caviglia il secondo).

+Copia link