« Torna agli articoli

2014: i numeri dell’ultimo anno!

21 gennaio 2015 | Luigi Contento


Il 2014 è ormai ampiamente alle nostre spalle. Come è giusto che sia, alla fine dell’anno si fà un breve bilancio dell’anno chiuso, ma soprattutto si fanno i buoni propositi per l’anno appena arrivato.
Con quasi un mese di ritardo, in queste righe vogliamo ricordare cosa ha fatto la Polisportiva negli ultimi 365 giorni.
Ed incominciamo a dare dei numeri dell’anno 2014:
Nel primo semestre le squadre della Polisportiva erano 7 (Minivolley, I divisione, Piccoli Amici, Pulcini, Giovanissimi, Allievi e III Categoria), nel secondo semestre le squadre erano invece 8 (Minivolley, Under 12, I Divisione, Piccoli Amici, Pulcini, Allievi e II Categoria). Per coloro che non rientravano in queste categorie ricordiamo che, grazie alla collaborazione con la Cometazzurra per il calcio ed il Volley Talmassons, c’è stata la possibilità di praticare sport.
La Polisportiva nel 2014 ha fatto in modo da permettere a queste squadre di allenarsi con allenatori preparati, campi sempre pronti con lo sfalcio dell’erba e la segnatura delle righe e con l’allestimento delle reti per la pallavolo, spogliatoi sempre puliti e riscaldati. E questo per un totale di almeno 600 allenamenti (circa 180 per la pallavolo e circa 420 per il calcio) e per circa 200 gare sia di campionato che amichevoli (una quarantina per il volley e circa 160 per il calcio).
Andando a fare una analisi sull’andamento sportivo delle squadre, nel volley il gruppo minivolley è cresciuto piano piano, grazie al dirigente che lo segue Angelino Zaupa, all’allenatrice Manuela Pagotto, alla sua aiutante Claudia Paravan, e grazie al supporto delle giocatrici della I divisione. Questa crescita ci ha permesso di iscrivere a settembre una squadra in più (l’under 12). La I divisione, allenato dal preparatissimo Loris Marchese, invece ha affrontato la stagione scorsa i play-out. E dopo un avvio choc (5 punti nelle prime 4 giornate) si è poi ripresa alla grande, salvandosi con anticipo. In questa stagione ha ripreso da dove aveva terminato, ovvero vincendo, ed alla fine del 2014 si era già qualificata ai play off, al comando del proprio girone.
Nel calcio, continuiamo il lavoro che abbiamo fatto nelle categorie dei piccoli amici e nei pulcini grazie alla bravura di Antonino Trigatti, del dirigente-aiutante Casco Ermano, del dirigente Massimiliano Pavesi e del nuovo aiutante Filippo Bassi.
A settembre abbiamo iscritto una squadra di esordienti, seguita dalla sapiente mano del mister Renato Resuli e dai dirigenti Bortolin-D’Odorico-Mesaglio.
Nel primo semestre avevamo anche i giovanissimi che venivano seguiti dal mister Battello e dai dirigenti Pierpaolo Contento e Enea Piccoli. A settembre, visti i numeri non abbiamo iscritto alcuna squadra. Gli allievi invece sono sempre seguiti dal mister Erminio Marchi e dal suo aiutante-dirigente Damiano Marangone. Da settembre ci aiuta moltissimo anche …..
La prima squadra allenata l’anno scorso da mister Masotti ha centrato i play off, e grazie ai ripescaggi siamo stati promossi in II Categoria. Da agosto la squadra è seguita dal nuovo mister Massimo Fabiani (graditissimo re-entry nella famiglia della Polisportiva), dal nuovo responsabile e dirigente Roberto Cossaro, coadiuvato dai dirigenti Maurizio Gallo, Sergio De Clara ed Enea Piccoli.
Se qualcuno si chiederà il perchè di questo articolo, scritto solo il 21 gennaio e non a fine anno od appena ad anno iniziato, la ragione è presto spiegata.
Ci si dimentica spesso di quanto di buono fatto, del lavoro che ci stà dietro la nostra Associazione. Del lavoro dei due segretari per l’iscrizione ai campionati e per tesserare tutti i giovani che praticano sport con noi, del sistemare i campi il meglio possibile, delle ore passate al telefono per organizzare gli allenamenti ed i ritrovi per le partite. Insomma di tutto quello che i nostri dirigenti e tutti coloro che, anche se non dirigenti, fanno per mandare avanti la nostra Associazione, che si muove unicamente grazie al volontariato.

Ma nonostante il lavoro del volontariato ci sono dei costi che per permettere questo purtroppo sono da sostenere (iscrizioni ai campionati, tesseramenti, visite mediche, costo di allenatori e per la pulizia degli spogliatoi e delle palestre, assicurazioni, costi per lo sfalcio e la manutenzione dell’erba).

E tutto questo fatto per poter entrare in campo o in palestra almeno 800 volte i giovani della nostra comunità (una media di poco superiore a 2 volte per ogni giorno dell’anno!!). E scusate se è poco….

+Copia link