« Torna agli articoli

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

12 settembre 2016 | Luigi Contento


Latisana Ronchis – Lestizza 0 – 0

Latisana: Piccotto, A. Callegher, Zanon, Pasqualin (46° st Pasqualin), Del Sal, Mallardo, Falcomer (25° st Pizzali), Brozzu, M. Callegher, Colautti, Valvaso. Allenatore: Santovito

Lestizza: Todisco, Ecoretti, Gottardi, G. Moro, Peruzzo, Dusso (36° st Serafini), M. Pighin (25° st Zanuttini), Bassi, L. Moro (25° st Gallo), Tonizzo, L. Pighin. Allenatore Bidoggia.

Arbitro: Mattiussi.

commento tratto dal Messaggero Veneto:

Bravi i portieri, un pò meno i rigoristi. Un rigore a testa nel primo tempo potevano far cambiare l’inerzia di questa gara, quello fra Latisana Ronchis e Lestizza, combattuto solo nella prima frazione, per poi spegnersi con l’aumentare della fatica dovuta al gran caldo sul rettangolo verde latisanese. Un pari sostanzialmente giusto per quanto visto anche se, considerando alcune ghiotte occasioni non capitalizzate, qualche goal i tifosi se lo meritavano. Ma tant’è e gli applausi vanno ai due portieri, sempre attenti a non farsi sorprendere nonostante certe ruvidezze difensive che devono essere limate. Come appunto dopo neanche un giro di lancette d’orologio la difesa di casa balbetta ed allora ne approfitta L. Pighin per mirare al centro grosso, trovando però A. Callegher a salvare col portiere battuto.

Al minuto 8 Ecoretti combina la frittata stendendo davanti agli occhi dell’arbitro Valvason in piena area. Dal dischetto Colautti fa fare un figurone al portiere che si stende alla sua sinistra e neutralizza il tiro. Altro mezzo liscio del centrale difensivo ospite sul taglio di Brozzu e la sfera arriva a M. Callegher che entra in area ma calcia addosso a Todisco. Più tardi ancora M. Callegher non riesce ad impattare bene la sfera davanti al portiere, poi al 26° L. Moro dalla lunetta apre a L. Pighin spinto alle spalle da Zanon. . Indica ancora il dischetto il signor Mattiussi, sul quale si presenta L. Moro con un tiro non forte che Piccotto mette in angolo. Verso la mezzora conclusione dalla lunetta di G. Moro, ancora attento Piccotto nel rifugiarsi in corner, dal quale dopo uno scambio corto, ne esce una traiettoria maligna su cui l’estremo di casa deve intervenire prima aiutato dalla traversa e poi da Pasqualin per liberare. Nel secondo tempo applausi solo per la rovesciata in area di Falcomer, lasciato piuttosto solo, per il determinante intervento di Todisco a togliere la palla destinata all’angolino basso.Da qui in poi la gara non produce alcunchè di interessante fino al 40° allorchè un lancio dalla propria metacampo di Gallo mette in moto Zanuttini, in posizione di dubbio fuorigioco, ma l’intervento di Piccotto salva capra e cavoli, così come in mischia la difesa di casa riesce a deviare in angolo un pallone calciato da una punizione indiretta di Gallo.

+Copia link